TESORI D'ISEO, LA SECONDA TAPPA: ammirando un po’ più in là

   

Che bella che è Iseo.

Sospesa tra il blu del suo lago e il verde delle Prealpi tutt’attorno. 

Nulla sarebbe ciò che è qui, se attorno a questa gemma non ci fosse un vero e proprio tesoro.
Fatto di natura, di Storia e di storie.

Se fino a qui vi siete lasciati rapire dall’atmosfera del lungolago, è ora tempo di allungare lo sguardo un po’ più in là, verso quell’orizzonte finora presente come sfondo sfumato alla vostra passeggiata.

È ora di ammirare un po’ più da vicino, un po’ più nel dettaglio, quel belvedere che ci circonda.

E uno sguardo attento sta non solo negli occhi dell’osservatore ma anche nel mezzo che lo veicola. 

Come tanti microscopi di un gemmologo, i cannocchiali panoramici blu, installati negli anni 60, sono ormai una presenza familiare.

Distribuiti alla pari di tante irremovibili sentinelle lungo tutto il lungolago di Iseo, soddisfano la curiosità del visitatore che può arrivare ad ogni punto visibile vicino e lontano.

I piedi in un posto, lo sguardo in un altro, la mente chissà.

Che bella che è Iseo.

 

In foto:

Vhernier, Anelli Freccia in oro rosa, corniola chiara e cristallo di rocca. 
Vhernier, Anello Pan di Zucchero in oro rosa, giada imperiale e cristallo di rocca.

Disponibili in gioielleria.

Get in touch